Stintino

Alghero, il dolore per il femminicidio

"Grazie a tutti". Giuseppe Fiori, zio di Michela, lo urla sedendosi su uno dei van con cui i familiari accompagnano in cimitero la bara della 40enne strangolata a morte dal marito, Marcello Tilloca, 42 anni, la mattina di domenica 23 dicembre. Per una settimana i parenti hanno testato la solidarietà di una città che gli è stata vicina in questo Natale segnato dalla tragedia. Oggi lutto cittadino con gli uffici pubblici che hanno esposto le bandiere a mezz'asta. Bar e negozi sono rimasti chiuse per due ore. Il silenzio di un sabato mattina soleggiato e mite ha accompagnato la famiglia Fiori a dare l'ultimo saluto a Michela. Il corteo partito dalla chiesa del Santissimo Nome di Gesù ha raggiunto piazza Sulis alle 10. Da lì la bara è stata portata in spalla sino alla cattedrale, lungo un percorso aperto dalla banda cittadina. Alle spalle del feretro c'erano i parenti: la madre Giuseppina, impietrita da una morte di cui ha saputo mentre si trovava in nave. Vive a Genova e stava arrivando in Sardegna col figlio, il fratello di Michela, per le feste. C'erano i due figli dell'operatrice socio-sanitaria uccisa sei giorni fa, Mattia e Cristian, di 12 e 8 anni. Piangono affranti. In chiesa il più piccolo si inginocchia in terra, ai piedi della bara, e si dispera: per la cattedrale gremita è un pugno nello stomaco. C'era il fratello Luca, che ora diventerà il loro punto di riferimento. Li tiene d'occhio costantemente e spalanca le braccia per contenerli sotto un unico abbraccio. Intorno ai parenti c'era Alghero. Addolorata e sgomenta, la città ha mostrato anticorpi robusti. Il corteo di Natale, il conto corrente per aiutare i figli di Michela a diventare grandi, il lutto cittadino, il silenzio, le serrande abbassate e le migliaia di persone di oggi, dentro e fuori dalla cattedrale, sono la risposta migliore. C'è anche chi ne approfitta. "Alcuni stanno chiedendo soldi a nome della famiglia Fiori per aiutare i figli di Michela - fanno sapere i familiari - noi non abbiamo autorizzato nessuno". Ma questo non cancella il modo in cui Alghero ha rinunciato al Natale per stare con una famiglia che riparte proprio da questo abbraccio.(ANSA).

ARTICOLI CORRELATI

Altre notizie